LED Liberedizioni Casa Editrice

Stampa

Un lampo di verità

Andrea Vigani a cura di

Prezzo base12,00 €
Prezzo base, tasse incluse
Prezzo di vendita con sconto
Prezzo di vendita10,80 €
Sconto1,20 €
Descrizione

UN LAMPO DI VERITÀ


La sentenza sulla strage di piazza Loggia

La sera del 20 giugno 2017 la Prima Sezione penale della Corte di Cassazione rigetta i ricorsi degli imputati Carlo Maria Maggi e Maurizio Tramonte,

condannati all’ergastolo per la strage di piazza della Loggia da una sentenza della Corte d’Assise d’Appello di Milano del 22 luglio 2015. Il dedalo di indagini,

processi e sentenze è così giunto a una via d’uscita.

La decisione della Corte Cassazione non significa solo il riconoscimento della colpevolezza degli imputati, la possibilità di collegare due nomi e il gruppo terroristico

di cui facevano parte (Ordine Nuovo) alla realizzazione della strage, ma permette di attribuire alla strage stessa una prospettiva storica, in un quadro più ampio.

E dunque di ricostruire il contesto storico e politico in cui si muovevano il terrorismo neofascista e Ordine Nuovo, ma anche i depistaggi che hanno intossicato le indagini

e che si sono messi in moto nei primissimi giorni dopo la strage, e di cui oggi abbiamo le prove documentali.

La strage di Piazza della Loggia è maturata - come scrive la Corte - “nell’identico ambiente incubatorio delle altre stragi che hanno caratterizzato la stagione delle bombe,

tra il 1969 ed il 1980, inglobando la strage di piazza Fontana (dicembre 1969) - l’altra grande ‘incompiuta’ della storia giudiziaria italiana (...) - , la strage della Questura (maggio 1973),

la strage dell’Italicus (agosto 1974), la strage di Bologna (agosto 1980) ed i tanti attentati, specie ai treni (estate 1969- aprile 1973), fortunatamente rimasti senza vittime”.

Il rapporto tra verità storica e verità processuale rimane un rapporto complesso, irrisolto, e se questa sentenza, giunta quarantatré anni dopo la strage, non risponde

a ogni domanda e non riempie ogni vuoto, rappresenta senz’altro un passaggio di straordinaria importanza per l’affermazione di una verità giudiziaria per piazza della Loggia,

e per la ricostruzione di quella stagione delle bombe e delle stragi a cui oggi, anche grazie a questa sentenza, possiamo attribuire la comune matrice del terrorismo neofascista.

 

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione privacy policy.

  Accetto i cookies dal sito ledliberedizioni.it
EU Cookie Directive Module Information